Giacca e cravatta

English: Alessandro Volta with tie. Italiano: ...
English: Alessandro Volta with tie. Italiano: Alessandro Volta in cravatta. (Photo credit: Wikipedia)

Frequento spesso per lavoro ambienti frequentati da persone in giacca e cravatta: i vecchi colletti bianchi.

Mi son fatto da tempo un’opinione su questo aspetto del ménage lavorativo.

Ho incontrato diverse opinioni, espresse più o meno apertamente, di cui riporto il senso che ne ho colto:

  • Chi non porta la giacca e la cravatta è irrispettoso nei confronti degli altri

  • La giacca e la cravatta in certi ambienti, come quello bancario, di rappresentanza, il management, eccetera, sono d’obbligo

Per quanto riguarda il primo aspetto, devo dire che, lavorativamente parlando, le persone più maleducate, arroganti e irrispettose che ho incontrato, avevano proprio la giacca e la cravatta. Quindi non me la sento proprio di appoggiare questa opinione.

Per quanto riguarda il secondo, l’abbigliamento d’obbligo ha l’effetto di appiattire, di uniformare; estremizzando diventa appunto un’uniforme.

L’uniforme è il tipo di abbigliamento che sottolinea la poca importanza del singolo individuo, contrapposta all’obbedienza acritica alle regole, alla prevalenza delle logiche di gruppo. All’idea del formicaio.

Quando guardo le immagini di alcuni ambienti frequentati da questi business men in uniforme, quello che mi viene in mente è proprio il formicaio.

Sempre per questo secondo aspetto, trovo anche un retaggio sessista in questa abitudine. La divisa vale per i maschi. Le donne possono esprimere la loro libertà.

E poi, diciamoci la verità, non è comodo per tutti avere la cravatta; da fastidio a tavola, ciondola sempre davanti come un guinzaglio.

E nemmeno la giacca è poi tanto comoda: fa stare troppo caldi, si stropiccia facilmente, è difficile da lavare. Può essere comoda intanto che si è in piedi, che ci si sposta da un ufficio ad un altro.

E poi a che pro abbassare la temperatura dell’impianto di condizionamento pur di non togliere la giacca e di non slacciare il primo bottone della camicia? Non è meglio una bella polo, ordinata, pulita e ben stirata e con le maniche corte?

I giornalisti, categoria che ultimamente non apprezzo più di tanto, sottolineano con disprezzo le canottiere estive dei politici, le bandane, le mise comode dei VIP vacanzieri; ma perché?

Meglio un uomo in bermuda al mare che un ladro incravattato in parlamento.

Meglio cellulite e capelli spettinati in spiaggia che una cinica opportunista in tailleur con incarichi istituzionali.

La giacca e la cravatta, quando non indossate per scelta, nascondono il cuore dell’individuo che le indossa.

Per estensione di questo concetto, è mia opinione che la moda non distingua, ma uniformi. La persona modaiola non è libera, ma schiava perché non può più scegliere cosa indossare.

Io preferisco la libertà e a volte, quando mi va, metto pure la giacca e la cravatta!!

=> Approfondimento in proposito: Dress for Success

 

2 pensieri su “Giacca e cravatta

  1. La giacca non la uso, ma la cravatta serve in quegli ambienti dove se non la porti sei uno schiavo da trattare come tale, mentre se la porti te la cavi con volti dubbiosi che ti guardano confabulando. Fuori da contesto lavorativo e da questi scopi arcaici quanto l’ignoranza, la uso poco o mai. Ah, c’ho anche la cravatta del Builder’s Heaven, ma questa e’ un trip mio e mio soltanto😀 ! ciao!
    _LHN_

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...